VILLESSE (Go). Sei miliari dal fiume Torre.

Nel 2008, nel greto del fiume Torre a Villesse (Gorizia) sono stati rinvenuti nove manufatti lapidei, tra i quali sei miliari e una base di reimpiego.
I miliari formavano in origine un contesto unitario, la cosiddetta “postazione di miliari”, essendo collocati insieme in un unico punto lungo un tracciato stradale, nella fattispecie la via Aquileia-Iulia Emona.
Le iscrizioni sono relative ad imperatori del pieno IV secolo: Costantino (n. 1), i figli Costanzo II e Costantino II cesari
(n. 2), Giuliano (n. 3), Gioviano (nn. 4a e 4b) e Valentiniano II, Teodosio e Arcadio (n. 4c).
Due miliari riportano una indicazione miliaria (VI: n. 5) e un testo forse mutilo (n. 6); due frammenti di colonne, infine, sono prive di iscrizioni.
Anche la base, riportante solo la formula Bono rei publicae nato, tipica dei miliari tardoantichi, si può riferire al medesimo complesso.

Leggi tutto nell'allegato: Cristiano Tiussi, Un_ritrovamento_di_miliari_nel_greto_del ...

In Aquileia Nostra, anno LXXXI - 2010

I manufatti si trovano attualmente nella sede del Comune di Villesse: 3 miliari all'ingresso degli uffici del Comune; gli altri in un magazzino protetto in locali della Protezione Civile locale.

 

Progetto Federarcheo - Realizzato da Mediares S.c. - www.mediares.to.it